in

Grigliata a Cà Del Bue

Ma cos’è questo complesso luminoso ad alta tecnologia industriale? Gli “amici di Beppe Grillo” lo chiamano il “cancrovalorizzatore” e trovano d’accordo pure alcuni oncologi Italiani. L’impianto di trattamento di rifiuti di Cà del Bue è stato messo sotto accusa dai consiglieri proviciali di Rifondazione Comunista, Sinistra democratica e Verdi. Alla conferenza stampa si cita la relazione che la dottoressa Patrizia Gentilini ha tenuto nei giorni scorsi per il congresso nazionale dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica. La relazione ribadisce, qualora a qualche mente sfuggisse, che la diossina è un cancerogeno prodotto da combustione: “Non dobbiamo sentirci autorizzati ad aumentare la quantità di questa pericolosa sostanza con inutili combustioni, quando i rifiuti potrebbero essere eliminati e riciclati in altro modo“. Per tale ragione è stata proposta una visita all’impianto di Vadelago in provincia di Treviso, non pericoloso, non tossico e meno costoso ed è stato chiesto di rivedere le decisioni nel merito di Cà del Bue prima della pubblicazione del bando.
Agsm, proprietario dell’impianto, entro qualche settimana pubblicherà il bando di gara per riconventire i forni a letto fluido mai funzionati, dispendiosi e superati con dei forni a griglia.
I tecnici dell’Assessorato all’ambiente ritengono non sia possibile paragonare Vadelago a Cà del Bue, il primo impianto infatti recupera rifiuti provenienti dalla raccolta differenziata, mentre il secondo si occuperà solo di rifiuti indifferenziati. Ricordiamo che il Piano regionale di gestione di rifiuti urbani, approvato nel 2000 prevede che entro il 2010 si giunga al 50% di raccolta differenziata, obiettivo raggiunto con tre anni di anticipo e che forse sarebbe il caso di implementare. Nonostante il nostro primato in ambito di differenziazione della raccolta, l’impianto di Cà del Bue è imprescindibile, anche perchè il Piano regionale non prevede discariche, e poi del resto è la stessa Unione Europea che ci suggerisce gli impianti con i forni a griglia, considerati all’avanguardia.
Vorrà dire che ci troveremo tutti insieme a goderci una bella grigliata su questi avvenieristici forni a griglia.

Rivoluzione nella Zai di Verona

Verona. Si può imparare dalla demenza?