in

Buon Capodanno Veneto a tutti!

Giazza, festa del fuoco

Giazza, festa del fuoco

Batter Marzo, brusar Marzo, ciamar Marzo significa risvegliare l’anno nuovo la terra addormentata dal gelo dell’inverno perché si risvegli e si prepari per la nuova semina.
Adulti e bambini, uomini e donne battevano, battevano incessantemente qualsiasi supporto facesse rumore, per svegliare la natura e la voglia di tornare a vivere dopo il letargo invernale. Le persone si recavano sulle alture, munite di campanacci e “racole” (strumenti di legno che agitati producevano un forte rumore) e tutti insieme li scuotevano festosamente per invitare la bella stagione. Al contempo si accendevano dei fuochi, simbolo di coraggio e di forza.
In questa occasione venivano recitate delle filastrocche scherzose, che avevano come protagonisti i giovani che si sarebbero sposati durante l’anno.

Secondo la tradizione veneta il 1 Marzo inizia l’anno nuovo.

La tradizione, ancora oggi, viene fatta rivivere da alcune comunità.
La notte tra il 28 febbraio e il 1 marzo 2009 si svolge a Selva di Progno (VR) – frazione San Bortolo (Bartolomeo delle Montagne) il tradizionale appuntamento ‘Osar marzo’. Gli abitanti della Lessinia per l’occasione indossano i tipici costumi cimbri e cantano filastrocche antiche per chiamare la primavera.

A Marano di Valpolicella sono stati organizzati degli incontri (raccontar marzo a Marano), tre serate per parlare al cuore.

Anche a Cerea (VR) in questi giorni sono state organizzate rievocazioni storiche, esposizione di prodotti tipici del territorio e lavori antichi.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Verona, Un giorno senza di noi

DiversidagliUgu@li.it