in ,

17 gennaio Santa dolcezza

Sagra dei rufioi

Sagra dei rufioi

Il 17 gennaio le Chiese cristiane festeggiano Sant’Antonio abate (Qumans, 251 circa – deserto della Tebaide, 17 gennaio 357). A lui si deve la formazione di famiglie di monaci che sotto la guida di un padre spirituale, abbà (abate), si consacravano al servizio di Dio.
Sant’Antonio fu presto invocato in Occidente come patrono dei macellai e salumai, dei contadini e degli allevatori e come protettore degli animali domestici. Fu ritenutoo essere potente un taumaturgo capace di guarire malattie terribili.

A Verona si dice “a Nadal un passo de gal e a sant’Antonio un passo de demonio” riferendosi al progressivo allungamento della durata di luce nelle giornate.

Tutti coloro che hanno a che fare con il fuoco vengono posti sotto la protezione di Sant’Antonio. Tra i molti malati che accorrevano per chiedere grazie e salute, molti erano afflitti dal male degli ardenti, conosciuto poi come fuoco di Sant’Antonio.

Cosa ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Giornata europea della cultura ebraica

Verona, il presepio dei conigli