in

“Musica nei castelli”

Nella sala rossa del palazzo scaligero è stata presentata ieri mattina la terza edizione della rassegna itinerante “Musica nei Castelli”, iniziativa inserita all’interno de “La Provincia in festival”, e organizzata dalle associazioni “A.Gi.Mus. Verona” e “Musica e Incanto”, in collaborazione con l’università e patrocinata dal Comune e dalla Provincia di Verona, dal Consiglio dei Ministri, dai Ministeri della Pubblica Istruzione e dei Beni Culturali.
Ad esporre il progetto l’assessore alla Cultura popolare Gianni Panato, il presidente dell’associazione A. Gi. Mus. Verona Andrea Scipioni e la responsabile del dipartimento Società Economie Istituzioni – Settore Geografia dell’università di Verona Claudia Robiglio

Questo evento si propone di presentare una rassegna concertistica e culturale che conduce alla scoperta di melodie rinascimentali, barocche, classiche, romantiche ed infine contemporanee..

Dal 30 al 25 luglio 2008 avremo quindi la possibilità di varcare le soglie di tempi lontani, per entrare nei meravigliosi castelli di Verona, Lazise, Villafranca e Sanguinetto. .
I concerti verranno introdotti da un sintetico preludio storico e culturale, realizzato in collaborazione con l’università di Verona (dipartimento Economie Società Istituzioni, Settore Geografia), mirato a fornire gli strumenti per meglio comprendere la rappresentazione, accrescendo nel pubblico la conoscenza e consentendo una maggiore valorizzazione del proprio territorio.

Il concerto inaugurale avrà luogo lunedì 30 giugno 2008 alle ore 21.00 presso lo scenario del giardino di Castelvecchio, proseguendo negli altri castelli scaligeri per giungere a destinazione il 25 luglio al circolo ufficiali di Verona a Catelvecchio.

I brani proposti varieranno di serata in serata, ma manterranno una base strumentale di musica classica; spaziando dai brani tradizionali a pezzi in lungua originale provenienti da tutto il mondo compresi cori gospel..

Come sostiene l’assessore Gianni Panato, si tratta di un’occasione più che adeguata per coinvolgere nel medesimo progetto storia, musica arte.

Riqualificazione di Porta Vescovo

Pedofilia amara a Verona